Filtro notturno NiSi Natural Night, recensioni e prima / dopo

Il filtro NiSi Natural Night è stato concepito con la funzione principale di tagliare le lunghezze d’onda più comuni alle luci artificiali. Questo tipo di filtri sono utilizzati da sempre nell’osservazione e fotografia del deep sky ma raramente sono stati proposti in dimensioni tali da essere utilizzati anche sui comuni obiettivi fotografici e quindi anche per riprese ad ampio raggio della volta celeste. Il filtro Natural Night è proposto sia in dimensione da 100x100mm che 150x150mm, per poter essere utilizzato sia sul NiSi V5-PRO che insieme agli holder da 150. In questo articolo vediamo tutti i test che diversi fotografi intorno al mondo hanno realizzato e come sfruttare al meglio questo filtro.

Filtro Natural Night in città

L’utilizzo del filtro Natural Night in contesti urbani è sicuramente indicato e consigliato per diversi motivi, tra cui la rimozione di aloni di inquinamento luminoso, riduzione dell’intensità delle sorgenti luminose artificiali e un miglior bilanciamento del bianco (non uniforme ma selettivo). Queste correzioni possono essere effettuate in post produzione, ma, soprattutto per la riduzione selettiva dell’inquinamento luminoso, devono essere effettuate con molta attenzione e precisione. In oltre, partire da un file più “pulito” in fase di post produzione permette di ottenere un risultato meno artificioso e una qualità generale del file più elevata. Vediamo qualche esempio.

 

Come possiamo osservare da questo scatto la foto con il filtro NiSi presenta una molto forte della dominante gialla e miglioramento del contrasto, osservando meglio possiamo notare una riduzione dell’intensità nelle alte luci e una leggibilità aumentata in alcune zone della foto. Osserviamo un altro esempio con luci più in lontananza.

 

Ora proviamo ad allontanarci ancora di più dalla città.

Filtro Natural Night – test fuori città

Il test fuori città vuole mostrare l’efficacia del filtro quando l’inquinamento luminoso è parte dello scatto, non dominante nella maggior parte dello scatto come in città. Questo è probabilmente uno dei casi dove il filtro risulta particolarmente utile, infatti la presenza solo in alcune zone di aloni di inquinamento luminoso portano molti ad utilizzare il natural night in modo da selettivamente rimuovere tali aberrazioni.

 

Quando le luci della città sono in più lontananza appare evidente la riduzione delle zone di inquinamento del filtro Natural Night, ecco alcuni crop nello specifico.

Abbiamo visto come si comporta il filtro con luci artificiali vicine e in lontananza, ma sempre in situazioni di cielo libero. Spesso quando sono presenti delle nuvole, soprattutto basse, l’inquinamento luminoso viene amplificato ed è difficilmente eliminabile per via della nuvole che rendono la dominante arancio irregolare.

 

In questo caso possiamo vedere sia l’effetto del filtro sull’inquinamento luminoso in lontananza sia sulle nuvole basse e anche sull’aurora boreale. Il bilanciamento del bianco è di 3350 Kelvin su entrambi gli scatti, senza nessun tipo di post produzione. La luce ai piedi della scogliera in fondo è palesemente ridotta e cattura molto meno l’attenzione, mentre la dominante arancio sulla nuvola in basso e le altre nuvole è stata ampiamente ridotta se non annullata.

Questo risultato è molto difficile da raggiungere in post produzione perchè prevede una correzione selettiva del WB e delle dominanti colore, che, per quanto possibile, necessita sicuramente tempo, capacità per evitare una post produzione approssimativa e può degradare la qualità del file.

Filtro Natural Night – test con assenza di inquinamento luminoso

Purtroppo l’assenza totale dell’inquinamento luminoso è una situazione molto difficile da trovare, soprattutto in Italia. Ma in alcuni luoghi, situazioni e in particolari inquadrature possiamo trovarci di fronte un cielo con poco inquinamento luminoso, o almeno non così evidente come negli scatti mostrati sopra. Come accennavamo in partenza, questo genere di filtri sono molto utilizzati nella fotografia dello spazio profondo, e anche in situazioni senza evidente inquinamento aiutano ad avere un file di partenza con più contrasto e una visibilità delle stelle migliorata.

Foto di Albert Dros

La foto con il filtro non è stata ritoccata tranne nel settare lo stesso WB in modo da mostrare solo le differenze effettivamente introdotte dal filtro. Dalla comparazione emergono almeno 3 differenze:

  • la nebbia nella parte bassa, l’unica zona con una leggera dominante dovuta all’inquinamento luminoso è più naturale e neutra grazie al filtro
  • la riduzione della luminosità generale dello scatto (quindi l’assorbimento del filtro) è quasi insignificante
  • Le stelle sono più accentuate e più visibili

Il terzo punto è quello fondamentale, osserviamo un crop dei due scatti allineati che ci permetto di apprezzare bene la migliore visibilità del cielo notturno grazie al filtro NiSi Natural Night.

Il miglioramento è visibile anche con uno scatto singolo e senza post produzione, grazie ad un file di partenza di questa qualità è possibile raggiungere un risultato ancora più spettacolare magari grazie all’aiuto di più scatti o di un inseguitore.

Da questo scatto possiamo anche verificare l’effettivo assorbimento di luce di tale filtro. Infatti la riduzione di luce è dovuta soprattutto al blocco delle lunghezze d’onda delle luci artificiali, bloccando queste luci la luminosità generale cala, ma tutte le fonti di luce non artificiale (come la luna o le stelle) non vengono bloccate. La luce emessa dai corpi celesti non cala di un livello apprezzabile, anzi, migliorando la visibilità potremmo addirittura osservare un’aumento di luminosità dei corpi celesti a parità di esposizione, come osservato nella foto d’esempio sopra. Nel caso di uno scatto diretto alla Via Lattea in condizioni di basso inquinamento luminoso non è strettamente necessario aumentare gli ISO, poichè la luminosità della Via Lattea sarà molto simile o migliore.

Filtro NiSi Natural Night da 100 e 150

NiSi ha prodotto il filtro Natural Night nei formati da 100x100mm e 150x150mm per massimizzare la resa grazie al vetro ottico di migliore qualità e ridurre al minimo qualsiasi possibilità di introdurre una caduta di luce ai bordi (vignettatura).

Compra sullo store ufficiale
Compra sullo store ufficiale